Reinventarsi a Bali
Asia,  espatrio,  indonesia,  induismo,  Sud-est asiatico,  Viaggi,  Viaggio sola,  vivere slow

Reinventarsi a Bali, l’Isola degli dei

Ho conosciuto Cinzia “Bru” sul sito Donne che emigrano all’estero. Travel designer con base a Bali, Bru è una forza della natura. Conosce l’Indonesia a menadito e ha un blog interamente dedicato all’arcipelago più grande del mondo. 5 anni fa lei e il suo compagno hanno deciso di trasferirsi nell’Isola degli dei e di realizzare i loro sogni. Ecco la sua storia.


Reinventarsi un lavoro e trasferirsi a Bali: la storia di Cinzia Bru, travel designer per passione

Reinventarsi a Bali
Reinventarsi un lavoro e trasferirsi a Bali: la storia di Cinzia Bru, travel designer per passione

La mia vita in Italia prima di partire

Io sono Bru , la viaggiatrice indisciplinata e dal cuore nomade .  

Lo sono totalmente da oltre cinque anni, da quando ho deciso che la mia vita italiana doveva avere una svolta.

In fondo Bru lo sono sempre stata, anche se era ben nascosta sotto gli abiti alla moda di una donna di nome Cinzia, che era arrivata ad essere fin troppo perfettina e dedita al dovere .

Fin da piccola sono sempre stata una ribelle, un’anima inquieta d’artista , volevo vedere il mondo e colorarlo alla mia maniera , sognavo fughe in paesi lontani e l’unica cosa di cui mi importava veramente era quella di essere totalmente libera .

Spesso il destino gioca con le nostre vite e ci fa vivere un’esistenza parallela come se fossimo spettatori di noi stessi, o almeno questo è quello che è successo a me . 

Volata via dal nido materno a diciotto anni, ho bruciando in pochi anni quasi tutte le tappe, era come se pensassi di non avere abbastanza tempo per fare tutto. 

Da vera anima inquieta per anni sono stata in continuo mutamento , adattandomi alle nuove situazioni come un camaleonte, una nuova città, un nuovo lavoro e stile di vita, di ogni cambio ne facevo tesoro acquisendo nuove conoscenze.

Ma negli anni sono sempre rimasta fedele al viaggiare e quel senso innato di libertà . Andando sempre avanti per la mia strada , ho vissuto una vita interessante e bella anche se non era così che l’avevo immaginata


L’amore, la vita normale e poi la svolta

Reinventarsi a Bali

Poi finalmente ho incontrato l’amore, per lui mi sono trasferita a Reggio Emilia, avevo finalmente trovato l’altra parte della mela, strambo e irrequieto, un artista un po’ burbero e sempre un passo avanti a tutti.

Insieme abbiamo vissuto quindici anni stando alle regole del gioco, tutta la settimana casa e ufficio, week end con gli amici e ovviamente appena ne avevamo la possibilità si viaggiava .

Non ci mancava nulla, eravamo felici e avevamo una bella vita normale come quella di tanti . Di una cosa però eravamo convinti, che un giorno avremmo dato un calcio a tutte le nostre certezze e saremmo andati via allo sbaraglio . 

E cosi è stato ….

Non importa quanto tempo ci abbiamo messo, le cose accadono al momento giusto, basta saper aspettare. 


Il trasferimento a Bali

Era un anno sabbatico alla ricerca del posto giusto nel mondo, la prima tappa era proprio L’Indonesia e Bali, una leggenda locale narra che sia l’isola a sceglierti … 

Mi piace pensare sia vero !

Con Bali ho un rapporto strano che non ho mai avuto con nessun altro posto, fatto da momenti di grande amore e altri in cui desidero solo scappare via.

Di sicuro Bali sa intrigare e affascinare, è molto più bella da vivere da residente rispetto a come la vedi da turista .


Cambiare vita a 50 anni

Reinventarsi a Bali 1

Non penso sia l’età a fare la persona ma viceversa .

A Bali ho conosciuto tantissima gente che alla soglia dei cinquanta anni ha deciso di fare la mia stessa scelta, certo sono tutte persone abbastanza originali che hanno voglia di mettersi in gioco , con grande spirito d’avventura e tanta inventiva e una mente da eterni trentenni .

A prescindere dall’età le difficoltà in un paese come questo sono tante, culturalmente è quasi impossibile inserirsi, la lingua è completamente diversa, un occidentale non può possedere nulla e ha ben pochi diritti .   


Se avessi avuto 20 anni in meno…

Lo dico sempre a quelli che mi chiedono informazioni per un eventuale espatrio in questo paese. Se oggi io avessi trent’anni, non sceglierei Bali per lavorare e vivere, preferirei un posto più produttivo e con stipendi migliori, dove sia facile inserirsi, che mi permetta di avere un futuro. 

Se l’avessi fatto venti anni fa, penso che sarebbe stata una gran bella mossa, l’isola all’epoca era vergine e aveva tanto da offrire a chi aveva spirito imprenditoriale e grinta . 

In Indonesia ci sono ancora possibilità imprenditoriali nelle isole fuori rotta, certo in questo caso occorre essere dei pionieri con un grande spirito di avventura e avere la voglia oltre che la possibilità di sapere aspettare anni prima di raccoglie i frutti del proprio lavoro . 


Oggi sono una travel designer

Disegno itinerari di viaggi da sempre, ho iniziato facendoli per me stessa , per tutti i miei amici e conoscenti.

Mi veniva cosi naturale oltre che molto bene, che a un certo punto mi sono detta , cosa altro posso fare di meglio nella vita. 

La parola travel designer è una nuova definizione di una figura professionale che offre una consulenza, disegnando un viaggio assolutamente personalizzato partendo dalle richieste di un viaggiatore .

Non esiste un travel designer senza esperienza diretta sul campo e io ho alle spalle ben 30 anni di viaggi e tantissimo tempo passato a moderare forum e gruppi di viaggiatori .

Negli anni ho acquisito una buona conoscenza del mercato del turismo e competenze tecniche logistiche che ovviamente tengo sempre aggiornate . 

Questa esperienza unita a un ottimo fiuto nello scovare destinazioni sconosciute che diventeranno delle top 10 del turismo , oltre a una creatività innata che mi permette di creare itinerari di viaggio originali ma allo stesso tempo funzionali . La cosa che spesso la gente non capisce di questo lavoro è cosa NON è un travel designer: non è un operatore turistico e neanche un agente di viaggio , 

Reinventarsi a Bali

Viaggio sola in Indonesia

Sto molto bene e mi sento in pace quando sono sola, ma per me viaggiare è anche condivisione o non sarei una travel designer.

Da quando vivo in Indonesia, ho tanti amici che vengono a trovarmi, insieme a loro ho scoperto la meraviglia di fare viaggi itineranti di gruppo e mi sto divertendo tantissimo.


I miei progetti futuri

Progetti futuri lavorativi ci sono, sto lavorando tantissimo per ripartire praticamente da zero, studiando anche nuove mete di viaggio.

In questo delicatissimo momento che ha rovesciato il mondo, occorre più che mai un grande impegno, è importante essere sempre aggiornati su tutte le nuove regole.

Indispensabile dare supporto e sicurezza ai viaggiatori, avere pazienza e soprattutto tanta serietà .

Progetti di vita , un expat è un essere instabile e sicuramente tra qualche anno darò un addio definitivo a Bali, ma non so ancora, dove sarà la nuova prossima meta.


Segui Bru sui suoi canali



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *