• 5 consigli per avere soldi per viaggiare

    5 consigli per avere soldi per viaggiare

    Da viaggiatrice incallita, una delle più grandi sfide che mi sono ritrovata ad affrontare è stata quella del “trovare i soldi per viaggiare”. Sfide vinte sempre e che mi hanno permesso di vagabondare per tutta l’Asia e l’Europa senza dover essere ricca o figli di chissà chi.

  • In viaggio da 7 anni: in solitaria fino all’incontro con l’amore

    Una donna in viaggio da 7 anni, in solitaria e in compagnia. Diana Barbieri, youtuber nota come “Close to Eternity, ci scrive dall’Argentina per raccontarci la sua storia di viaggiatrice. Al momento lei e il suo ragazzo sono rimasti bloccati causa Covid-19 nel paese sudamericano mentre attraversavano l’America dall’estremo nord all’Estremo sud. 

    Diana ha viaggiato in lungo e in largo sul nostro pianeta lavorando qui e lì, muovendosi in autostop, in minivan, attraversando continenti interi via terra. Una storia incredibile di un “sogno realizzato”.

  • Scrivere: punto di vista e narratore

    Ogni storia, lunga o corta che sia, ha bisogno di un punto di vista e di un narratore adatti. Non tutti vanno bene, bisogna sceglierli con accortezza in base a ciò che vogliamo esprimere. Come capire quale è il modo migliore per narrare la nostra storia? In questo capitolo cerchiamo di districare la matassa della focalizzazione, del narratore e della persona.

  • Viaggio sola a Phnom Penh - parte tre

    Viaggio sola a Phnom Penh – parte tre

    di Alessia Culpo instgram @alessia.clp

    Per leggera la seconda parte del mio viaggio in solitaria a Phnom Penh clicca qui.

    Quarto giorno. Il tempio di Wat Phnom sarebbe superbo, se non avessi scelto proprio la mattina d’inizio del Capodanno Cinese per visitarlo! Non faccio in tempo a mettere piede sulla scalinata che sale il colle, che mi ritrovo in una fiumana di persone, molte con in mano dei cestini strapieni di cartellini rossi.

  • Vivere lentamente per vivere felici: come dare valore alla vita adottando uno stile "slow" e minimalista. Impara a dire di no ed elimina il superfluo.

    Vivere lentamente per vivere felici

    Vi è mai capitato di avere così tante cose da fare da arrivare a fine serata senza ricordarvi di ciò che è accaduto durante il giorno o in quelli precedenti? 

    A me spesso: corro di qua e di là come se avessi dimenticato l’importanza del vivere lentamente. Eppure solo così possiamo dare valore alla vita.

  • Wat-ounalom

    Viaggio sola a Phnom Penh – parte due

    di Alessia Culpo instagram @alessia.clp

    Per leggera la prima parte del mio viaggio in solitaria a Phnom Penh clicca qui.

    Il terzo giorno ho appuntamento con Ida, la solitaria viaggiatrice danese, per andare a visitare il Museo del Genocidio S-21 e i Killing Fields di Choeung Ek. Prendiamo il mezzo di trasporto più in auge tra i turisti occidentali a Phnom Phen, il tuk-tuk. Viaggiare in tu-tuk è semplicemente eccezionale: in futuro, dovunque debba andare, voglio andarci solo in tuk-tuk! Questo veicolo è la concretizzazione della libertà e della leggerezza. L’unico fastidio è che ci consigliano di avvinghiare gli zaini alla caviglie, in modo che nessuno possa rubarceli durante la corsa. Subito penso che, se li afferrassero con forza, trascinerebbero giù anche noi.

  • Inventarsi un lavoro a 30 anni

    Una delle grandi questioni del nostro paese è il senso di insoddisfazione di tanti giovani italiani della mia età (ho 29 anni, per chi non mi conosce). Di sentirsi così capita a donne e uomini, laureati o meno, in questa Italianuccia della precarietà e dalla vecchia mentalità del “posto fisso or die.” E se invece fosse possibile “inventarsi un lavoro” a 30 anni, per dirla alla Terzani?

  • viaggio-sola-phnom-penh

    Viaggio sola a Phnom Penh

    di Alessia Culpo instagram @alessia.clp

    La Cambogia vista dall’aereo è una pianura verde e gialla e rossa tutta frammentata in tanti quadratini irregolari. Appena esco dal piccolo aeroporto della capitale, Phnom Penh, vengo assalita simultaneamente da un’afa soffocante e da uno sciame di tassisti bramosi di spennare la disorientata turista occidentale.

  • visitare-canton-cina

    Visitare Canton in Cina

    Esattamente un anno fa ero nel Sud Est della Cina, nell’imponente Canton, conosciuta anche come Guanzghou 广州. Ad aprile di solito fa già caldissimo ma io andavo comunque a lavoro a piedi perché odio i mezzi affollati. Nella seguente foto sono sul ponte “Guangzhou Daqiao”广州大桥 in procinto di attraversare il Fiume delle Perle 珠江, che ha una portata 10 volte superiore al Po. Alle mie spalle si vede il profilo di Zhu Jiang New Town 珠江新城, la zona finanziaria della città, con grattacieli alti fino a 530 metri e bar al 99 esimo piano. Canton fa parte della conurbazione urbana più grande del mondo nella quale abitano 46 milioni di persone: la megalopoli sul delta delle Fiume delle Perle, che include Dongguan 东莞, Foshan 佛山, Zhongshan 中山 e la futuristica Shenzhen 深圳.